Blog: http://pierofassino.ilcannocchiale.it

Alitalia: la crisi continua

In questo blog ci siamo occupati più volte di Alitalia, sempre sottolineando i gravi rischi che comportava la linea dell'attuale Governo. Qualcuno avrà creduto che fossimo mossi da un pregiudizio antiberlusconiano. Adesso si vede che, purtroppo, i nostri timori erano fondati. Si è, infatti, liquidata la proposta Airfrance, proponendo miracolose cordate italiane. In realtà, ad oggi, una soluzione certa ancora non c'è. E quella di cui si parla, qualora si realizzasse, ci consegnerebbe un Alitalia molto più piccola, con un taglio drastico di gran parte delle linee intercontinentali, con un numero di esuberi enorme, con una compagine azionaria costituita da imprenditori di cui nessun operatore del settore e, infine, scaricando tutti i costi sulle casse dello Stato. Vale la pena di ricordare he l'intesa con Air France avrebbe integrato l'Alitalia nel più grande gruppo aereo mondiale, prevedendo al tempo stesso il mantenimento del marchio Alitalia, l'auonomia gestionale della compagnia e la conferma dell'84% del personale. Invece adesso avremo una soluzione molto precaria, che il Governo cercherà di mascherare dicendo che "si è salvata l'Alitalia", sapendo invece benissimo che la compagnia rischia in breve tempo di essere nuovamente in crisi. E a pagarne le conseguenze saranno gli utenti, i dipendenti e l'Italia.

Pubblicato il 1/8/2008 alle 15.46 nella rubrica Post-it.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web