.
Annunci online

13 novembre 2010

E’ ora di staccare la spina

La rottura tra Fini e Berlusconi è la conseguenza della crisi, non ne è l’effetto, come cercano di far credere i pasdaran berlusconiani.

Se la maggioranza di destra è a pezzi è perché in due anni e mezzo di governo la guida del Paese è stata fallimentare: disoccupazione all’11%; crescita zero (mentre la Germania cresce del 3%); scuola e Università in ginocchio; Rai sull’orlo del fallimento economico; Napoli nuovamente sepolta dai rifiuti; L’Aquila in attesa di una ricostruzione mai avviata; enti locali e mondo della cultura in rivolta per tagli insostenibili. E il riemergere di una questione morale che investe il capo del Governo, importanti ministri e esponenti della maggioranza.

Per tutto questo c’è la crisi e il Governo  è una nave inesorabilmente alla deriva. Ed è francamente irresponsabile che Berlusconi pretenda di continuare a governare quando non ha più la maggioranza, né le condizioni per farlo.

Si prolunga così inutilmente un’agonia che ha effetti nefasti sull’Italia e sugli italiani.

E’ ora di staccare la spina.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. crisi Fini Berlusconi

permalink   inviato da piero fassino il 13/11/2010 alle 10:29    commenti (19)
Versione per la stampa

1 ottobre 2010

Una fiducia inutile

Berlusconi ha ottenuto la fiducia da Camera e Senato. Ma questa volta davvero si tratta di una “vittoria di Pirro”.

Nel suo discorso alla Camera Berlusconi è infatti apparso senza una visione, un progetto, un’idea dell’Italia e del suo futuro. Ha stancamente ripetuto le promesse di sempre, cercando di far dimenticare che 8 degli ultimi 10 anni sono stati governati dalla destra e nessuno degli obiettivi via via indicati ha visto la luce.Il che toglie qualsiasi credibilità agli impegni di oggi, destinati anche essi a tradursi in illusioni.

Anche il tentativo di fare a meno di Fini è fallito, perché i numeri hanno dimostrato che senza il sostegno dei finiani Berlusconi non ha più una maggioranza autosufficiente.

Insomma: la fiducia di un giorno non ha risolto la crisi, che rimane del tutto aperta e con la conseguenza che nei prossimi mesi avremo un governo debole che vivrà alla giornata mentre tutti  i problemi del paese si aggraveranno.

Ragione di più per accelerare l’apertura di una fase nuova e la costruzione di un nuovo progetto di Governo che restituisca fiducia agli italiani e diventi punto di riferimento per tantissimi cittadini che vogliono vivere in un Paese diverso

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi fini pd fiducia

permalink   inviato da piero fassino il 1/10/2010 alle 12:59    commenti (6)
Versione per la stampa

30 luglio 2010

La crisi di Berlusconi

La rottura tra Fini e Berlusconi non è un temporale d’estate, né soltanto un fatto interno alla maggioranza di governo. E’ la sanzione di una crisi profonda che si trascina da tempo e di cui ogni giorno ci sono segnali evidenti.

Da mesi emerge una questione morale che investe esponenti di primo piano della destra: Dell’Utri e Brancher condannati; Bertolaso, Verdini, Cosentino, Caliendo indagati; Scajola costretto alle dimissioni.

Il tentativo di imporre una legge-bavaglio sulle intercettazioni è fallito: non solo in Parlamento il testo è stato cambiato più volte, ma soprattutto il suo esame finale è stato rinviato sine die.

Intanto la crisi economica continua a far sentire i suoi morsi: la disoccupazione al 10%, l’inoccupazione giovanile al 30%, i redditi delle famiglie sono diminuiti del 5% in due anni, manca una guida – come si è visto nel caso Fiat – capace di contrastare la crisi economica e di rimettere in moto sviluppo e crescita.

Nonostante ciò, Berlusconi cercherà di resistere in ogni modo e non esiterà a trasformare la sua crisi nella crisi delle istituzioni. Per questo spetta al PD e alle opposizioni contrastare il sovversivismo di Berlusconi e avanzare una proposta che apra una fase del tutto nuova nella vita della Repubblica.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Berlusconi crisi PD Fini opposizione

permalink   inviato da piero fassino il 30/7/2010 alle 11:56    commenti (40)
Versione per la stampa

5 luglio 2010

Una maggioranza allo sbando

Le dimissioni di Brancher offrono una duplice conferma. Dimostrano che la destra vive una fase di sbandamento, al punto che neanche Berlusconi si è intestardito a difendere una nomina indifendibile. E quelle dimissioni dimostrano che – contrariamente a quel che spesso troppo sbrigativamente si dice – l’opposizione c’è, si batte e ottiene risultati.

E’ uno scenario che potrà riprodursi anche per la legge sulle intercettazioni, su cui nella maggioranza si manifestano dissensi e malumori e contro la quale un’opposizione unita e determinata potrà battersi con ancor maggiore efficacia.

Così come la strada è sempre più impervia per Tremonti e le sue “stangate”, contestate dalle imprese, dal mondo della scuola e della cultura, dai sindacati e dall’insieme di Regioni, Provincie e Comuni, compresi quelli amministrati dalla destra.

E’ la conferma che per governare i numeri non bastano. Berlusconi ha una maggioranza che conta 100 deputati e 50 senatori di più dell’opposizione. Ma non ha un progetto per l’Italia e i suoi problemi.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi governo tremonti opposizione brancher

permalink   inviato da piero fassino il 5/7/2010 alle 16:52    commenti (48)
Versione per la stampa

18 giugno 2010

I sacrifici dei cittadini per pagare un ministro in più

Dopo tante parole demagogiche sui costi della politica, un bel ministro in più.

Il Consiglio dei Ministri ha nominato Aldo Brancher “ministro per il federalismo” in un governo che ha già un ministro per le riforme istituzionali (Bossi), uno per la semplificazione legislativa (Calderoli), uno per gli affari regionali (Fitto) e uno per la funzione pubblica (Brunetta), cioè 5 ministri che si occupano delle stesse cose. Alla faccia dell’efficienza, della semplificazione, del rigore.

E nello stesso tempo il Governo non nomina il nuovo Ministro dell’Industria, questo sì un incarico di cui il sesto paese industriale del mondo avrebbe bisogno.

Un vero e proprio scandalo. Uno schiaffo ai cittadini che adesso sanno che i sacrifici imposti da Berlusconi e Tremonti servono a pagare un ministro in più. Per di più inutile.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ministri berlusconi costi politica

permalink   inviato da piero fassino il 18/6/2010 alle 18:56    commenti (55)
Versione per la stampa

Sfoglia
ottobre        dicembre